Trani: bianca e blu

trani in puglia - vista da alto
Posted by Candida Carrino Category: Tour Tag:
Bianca come il colore della pietra che riverbera il suo candore sotto la luce accecante del sole. Blu come il colore del mare, che ha visto da questo luogo partire migliaia di pellegrini e Crociati per la Terra Santa. Cosa vedere a Trani? Da dove cominciare a visitarla? non avete che l’imbarazzo della scelta.

Cosa vedere a Trani : la cattedrale di San Nicola Pellegrino

la cattedrale di trani

Ha un fascino tutto particolare e non solo come testimonianza del romanico pugliese ma per la sua straordinaria posizione. Relativamente isolata rispetto agli edifici circostanti, la Cattedrale di Trani si trova nelle immediate vicinanze della costa, con l’effetto di creare un chiaro punto di riferimento sia a chi la guardi dalla città sia a chi la guardi dal mare. I primi si smarriscono nel vedere la splendida facciata ornata con un imponente rosone, decorato con figure zoomorfe. I secondi per l’imponente transetto provvisto di tre absidi. E l’interno scarno, disadorno, vigoroso presenta un bellissimo matroneo. E’ uno dei luoghi di interesse d’Italia.

Cosa vedere a Trani : il Castello Svevo

cosa vedere a trani - il castello svevo

Federico II concesse a questa città della Puglia numerosi privilegi sia amministrativi che commerciali. Nella logica di dotare il Regno di fortificazioni volle che anche questa città tra Bari e Barletta avesse un suo maniero.

Non potete non scorgerlo uscendo dalla cattedrale. Il Castello Svevo, collocato al centro di una rada, sorge ben piantato nelle acque quasi a scoraggiare qualsiasi nemico.

città di trani in puglia - castello

Vale la pena entrarvi e girare negli ambienti completamente spogli. Preferibilmente non in gruppo. Potreste essere fortunati e imbattervi nel fantasma di una giovane donna dagli occhi di un intensissimo azzurro penetrante. E’ Siffridina, contessa di Caserta, tenuta prigioniera dal 1268 al 1279, in una segreta del castello. La signora era stata punita per aver segretamente cospirato contro gli Angioini. Si narra che di tanto in tanto si avvicinerebbe ai visitatori alla ricerca di un contatto umano.

Cosa vedere a Trani : il quartiere ebraico

Una volta usciti dal castello recatevi nel centro storico. Qui vi era una prosperosa comunità di ebrei ben radicata e tangibile nella storia di Trani, nei luoghi, nelle architetture e nella sua stessa toponomastica. Il periodo normanno-svevo fu il più felice nella storia degli ebrei nella regione Puglia e in particolare a Trani. Infatti, questi godevano della protezione dell’Imperatore che proibiva le conversioni forzate e l’estorsione di denaro da parte di funzionari o cristiani nei loro confronti. Essi ebbero da Federico II anche il privilegio del monopolio del commercio della seta.

trani puglia

Pensate che nell’antico quartiere ebraico, ai tempi dell’imperatore Federico II, si contavano ben quattro sinagoghe. Queste divennero chiese nel XVI secolo dopo l’espulsione degli ebrei locali.

Dal 2005 la sinagoga Scolanova è ritornata all’uso originario. L’intero edificio presenta un campanile a vela a sua volta sormontato da un timpano su cui svetta una stella di David in ferro battuto.

Dove: Trani – Puglia – Italia

Scopri cosa vedere a Trani con la guida abilitata di CiceroGO Tonia Barillà

Storica dell’arte, autrice di diverse pubblicazioni in materia di beni culturali, ha una lunga esperienza nella gestione dei patrimoni culturali di diverse istituzioni pubbliche e private nonché nel coordinamento delle attività di fondazioni e centri studi e ricerche

candida.carrino@cicerogo.com – redazione.itinerartis@cicerogo.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Iscriviti alla Newsletter per rimanere aggiornato