A si biri mellus, a si biri sempri sanus, a si biri sempri Sardus

cagliari vista dal porto con barche
Posted by Candida Carrino Category: Tour Tag: ,
Noi del Continente pensiamo alla Sardegna come una meta estiva da raggiungere per godere delle sue acque cristalline e sabbie incontaminate. Quindi abbiamo le nostre ragioni. Ma vi assicuro che a poche ore di volo da qualsiasi città d’Italia c’è un posto fantastico. Mi chiederete cosa vedere a Cagliari? Questa bellissima città dà la possibilità a qualsiasi visitatore di seguire le proprie passioni.

fenicotteri rosa cagliari

Cosa vedere a Cagliari : tracce e testimonianze di popoli diversi

La città ne ha visti tanti di dominatori: fondata dai Fenici, colonizzata dai Cartaginesi, occupata dai Romani, contesa da Pisani e Spagnoli, governata a lungo dai Piemontesi. Tutti hanno lasciato testimonianza del loro passaggio. Segni inconfondibili su edifici sacri e laici, sulle opere d’arte, nella lingua.

fenicotteri rosa cagliari

Cosa vedere a Cagliari : il Parco Molentargius Saline

 Pensate che all’interno dell’area metropolitana della città vi è una zona particolarissima. 1600 ettari di bacini di acqua a differenti gradi di salinità, separati da una piana con caratteristiche di prevalente aridità denominata Is Arenas. Habitat naturale di una ricca varietà di specie vegetali e animali, molti dei quali specie protette.

Il Parco Molentargius Saline ha dal 1993 un abitante speciale: il fenicottero rosa. La storia della riserva è legata anche alla lunga storia delle saline della città. Tant’è, il sito deve il suo nome a is molentargius, i conduttori di asini – su molenti, gli asini in sardo – adoperati in passato per trasportare il sale dalle saline al porto. La sede del Parco è nell’edificio “Sali Scelti”, un ex deposito di sale. Esso è uno splendido esempio di architettura industriale, risalente agli anni ’30.

fenicotteri rosa cagliari

E’ per questi motivi che la visita al Parco di Molentargius rappresenta un’esperienza unica. Infatti, essa coniuga il piacere della conoscenza storica ad un’immersione in un paesaggio straordinariamente vivo e selvatico. Fate i percorsi della Via del Sale, troverete posti  di interesse architettonico, storico e ambientale, ancora poco conosciuti.

Cosa vedere a Cagliari : il quartiere Castello

E’ il principale dei quattro quartieri storici della città. Sorge in posizione preminente, su un colle calcareo, ed è una cittadella fortificata con le sue bianche mura e le alte torri medioevali. Fra le viuzze lastricate del vecchio quartiere del Castello, sede un tempo del potere civile, militare e religioso, si respira l’aria più antica di Cagliari.

facciata della cattedrale di cagliari

Qui si concentrano gli edifici più interessanti da visitare. Il Castello, dopo un lungo periodo di incuria e abbandono, è negli ultimi anni oggetto di numerosi interventi di recupero e restauro. Di sera poi, da un po’ di anni, impazza la movida. Qui nascono ogni giorno locali dove i giovani si intrattengono fino all’alba.

cosa vedere a cagliari - il duomo

 Cosa vedere a Cagliari : la Cattedrale

Nella piazza principale del quartiere vi imbatterete nella imponente facciata della Cattedrale dedicata a Santa Maria Assunta e a Santa Cecilia. Costruita nel corso del Duecento in stile gotico pisano, la chiesa si presenta come un connubio di diversi stili artistici e custodisce sette secoli di memorie storiche della città di Cagliari. Presi dalla bellezza dell’interno non trascurate una visita d’obbligo alla cripta.

cripta cattedrale cagliari

Essa è chiamata il Santuario dei Martiri. Infatti, al suo interno sono collocate 179 nicchiette disposte nelle pareti di tre cappelle, contenenti le reliquie dei martiri cagliaritani. Molto decorative e di grande impatto visivo sopra ognuna di esse vi è una formella in marmo a bassorilievo del santo con il relativo nome ed i simboli del martirio.

Nei locali adiacenti alla Cattedrale vi è il Museo del Duomo che raccoglie i tesori donati alla chiesa dagli arcivescovi che si sono succeduti. E’ notevole la collezione di argenti in esso custodita.

Cosa vedere a Cagliari : Museo Archeologico Nazionale

Posso dirvi però, che anche se non avete a disposizione molti giorni per girare la città dovete ritagliarvi anche solo due ore per visitare il Museo Archeologico Nazionale.

Tutta la Sardegna è lì, il Museo con i suoi oltre 4000 oggetti racconta una storia lunga quasi 7.000 anni dalla Preistoria all’Alto Medioevo. Un corpus espositivo di grande significato e fascino, il cui nucleo centrale è dedicato all’ archeologia preistorica sarda.

museo archeologico di cagliari

Ma sapete che vi dico? che avendo girato qualche museo, statuine, armi, utensili vari ne abbiamo visti. Sicuramente, però, non ci siamo mai imbattuti in statue nuragiche.

E quelle qui esposte, rinvenute nel sito archeologico di Mont’e Prama, situato nel territorio comunale di Cabras, nella parte centrale della penisola del Sinis, lasciano senza fiato.

Possenti, gigantesche, di un biancore abbagliante, le statue antropomorfe sono tutte maschili e raffigurano in maggior parte singolari “pugilatori” con guanto armato e scudo protettivo tenuto sopra la testa. In minor numero sono, invece, i classici arcieri con arco sulla spalla e guerrieri con scudo rotondo.

museo archeologico cagliari

Questi giganti o eroi, come alcuni sostengono, hanno naso e sopracciglia marcati e dei grandi occhi raffigurati come due cerchi concentrici. Se fissate questi occhi straordinari essi vi ipnotizzeranno. E non potrete non pensare al loro enigmatico all’interno del sito.

Cosa vedere a Cagliari : l’Anfiteatro Romano di Cagliari

L’ Anfiteatro Romano di Cagliari venne edificato tra il I e il II secolo d.C. quando la Sardegna, assieme alla Corsica era ormai da secoli sotto la dominazione romana

Cosa vedere a Cagliari :  la Pinacoteca Nazionale di Cagliari

Nel quartiere Castello si trova anche la Pinacoteca Nazionale di Cagliari, nella Cittadella dei musei, prestigiosa struttura culturale progettata nella seconda metà del Novecento nell’area del Regio Arsenale settecentesco

Cosa vedere a Cagliari :  l’ Archivio di Stato di Cagliari

La documentazione conservata nell’ Archivio di Stato di Cagliari è strattamente collegata al ruolo che la città svolse prima come  come capitale del Regnum Sardiniae (1323-1847), poi sotto le dominazioni catalano-aragonese (XIV-XV secc.), quella spagnola (XVI-XVIII secc.) e infine piemontese (XVIII-XIX) prima di essere annessa al Regno d’Italia.

Cosa vedere a Cagliari :  la Biblioteca Universitaria di Cagliari

Il nucleo originario della Biblioteca Universitaria di Cagliari era costituito dalla biblioteca privata del sovrano, da fondi appartenenti al soppresso Ordine dei Gesuiti e dalle copie delle opere che i docenti erano tenuti a fornire. Attualmente conserva più di 6000 manoscritti, 236 incunaboli e oltre 5000 cinquecentine

Andate a Cagliari, non ve ne pentirete!

Storica dell’arte, autrice di diverse pubblicazioni in materia di beni culturali, ha una lunga esperienza nella gestione dei patrimoni culturali di diverse istituzioni pubbliche e private nonché nel coordinamento delle attività di fondazioni e centri studi e ricerche

candida.carrino@cicerogo.com – redazione.itinerartis@cicerogo.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Iscriviti alla Newsletter per rimanere aggiornato