Cortona e i suoi quintieri

cortona cosa vedere - tetti della città cortona
Cortona cosa vedere? La provincia italiana è unica. In nessun paese al mondo piccole realtà cittadine custodiscono opere d’arte. Solitamente, infatti, sono conservate in grandi musei metropolitani. Cortona é una di queste. Ma mi chiederete: a Cortona cosa vedere ?

Cortona cosa vedere : il centro storico

cortona cosa vedere - piazza di cortona

Un dedalo di stradine, ordinate, pulite con piante che pendono dai balconi. Vi conducono, infatti, alla scoperta del centro storico di Cortona, ma cosa andiamo a vedere?. Le testimonianze, poi, delle varie epoche storiche si susseguono e sono stratificate in ogni dove.

Da non perdere nella centralissima Piazza della Repubblica sul lato est il Palazzo Comunale. Con l’imponente scala di accesso al palazzo risalente a 14° secolo e la sua caratteristica torre con l’orologio. E, poi, che dire del Palazzo del Capitano del Popolo!

cortona cosa vedere - visuale cortona piazza

Se non riuscite a trovarlo chiedete di lui : il “vicolo Iannelli”. Sembra una stradina come le altre. Ma, noterete subito che le case sono molto più antiche. I mattoncini rossi, infatti, sono una delizia e la parte superiore delle costruzioni è sorretta da strutture lignee. Vi faranno, per questo, ritornare indietro di secoli. A Cortona cosa andiamo ancora a vedere?

cortona cosa vedere - vicolo iannelli cortona

Cortona cosa vedere : Museo dell’Accademia Etrusca

Se riuscite a non farvi rapire dalla bellezza delle viuzze di Cortona, entrate in uno degli edifici più antichi e ricchi di storia della cittadina: Palazzo Casali. Oltre alla bellezza dell’edificio, infatti, esso è uno scrigno ricco di bellezze. Ospita, perdipiù, il Museo dell’Accademia Etrusca e il Museo della Città Etrusca e Romana.

cortona cosa vedere - lampadario etrusco

Le sale, infatti, con i loro reperti testimoniano il collezionismo di questo gruppo di eruditi. Essi, infatti, tra Settecento e Ottocento raccolsero i più bei reperti archeologici dell’arte degli Etruschi. Per gli amanti dell’arte contemporanea, poi, vi sono le opere del pittore Gino Severini. Uno dei fondatori del futurismo, cedute a Cortona dallo stesso maestro. A Cortona cosa andiamo ancora a vedere?

Cortona cosa vedere : il Museo Diocesano

cortona cosa vedere - signorelli

A Cortona cosa andiamo ancora a vedere? Tra i luoghi da visitare in Toscana, il Museo Diocesano di Cortona è sicuramente tra i primi. Potreste pensare ad una semplice raccolta di opere d’arte provenienti dalle chiese del territorio, non è così. In questo luogo sono conservate le opere dei più importante artisti italiani: Pietro Lorenzetti, Beato Angelico. Oltre a Bartolomeo della Gatta, Sassetta e Luca Signorelli.

cortona cosa vedere - annunciazione del beato angelico

La pittura del Quattrocento è qui ben rappresentata ma l’Annunciazione del Beato Angelico rapisce lo sguardo di chiunque. La serenità della scena, l’atteggiamento delle due figure, i colori degli abiti, delle ali dell’angelo annunciatore lasciano sorpresi anche il visitatore più distratto. E che dire del dialogo fra i due protagonisti. Iscritto sulla tavola in lettere d’oro, è simile a un fumetto. Con le parole che fluiscono dalle loro bocche. A Cortona cosa andiamo ancora a vedere?

Cortona cosa vedere : il Convento “Le celle”

Di indubbio fascino è il Convento “Le celle”. Un complesso, costruito a cavallo di una stretta valle, molto suggestivo per l’amenità e la spiritualità del luogo. Pensate questo fu il primo convento costruito da San Francesco d’Assisi. All’epoca questo luogo aspro e soprattutto privo di insediamenti umani dovette piacere a Francesco.

cortona cosa vedere - eremo Le Celle

Oggi troverete una bellissima struttura. Le abitazioni dei frati e i locali conventuali sono “a gradoni” su i 2 lati della valle.

La visita, però, vi servirà per riscoprire i luoghi dove il silenzio la fa da padrone. Al pari di tutti gli eremi francescani è immerso nella natura ed invita alla meditazione. A Cortona cosa andiamo ancora a vedere?

Cortona cosa vedere : la Fortezza del Girifalco

cortona cosa vedere - fortezza girifalco

Domina la città la Fortezza del Girifalco. Un’antichissima rocca fortificata ristrutturata nel ‘500, in epoca medicea. Da lì potete vedere l’intera Valdichiana sottostante. Ma oggi è diventato il posto più cool di Cortona. La fortezza, di proprietà comunale, è aperta al pubblico nel periodo estivo. Si avvia ad essere un importante centro per l’arte contemporanea nonché uno spazio utilizzato per eventi e manifestazioni culturali. A Cortona cosa andiamo ancora a vedere?

Cortona cosa vedere : la Basilica di Santa Margherita

cortona cosa vedere - santa margherita interni

Si trova un po’ fuori dalla cittadina la Basilica di Santa Margherita. La passeggiata è un po’ impegnativa perché in salita ma la bellezza della struttura vi ripagherà dalla fatica. Entrate e guardate in alto:  il soffitto blu, sembra un cielo stellato. Tutto l’interno è stupefacente: un susseguirsi archi e costoloni. Il santuario è dedicato alla figura di Santa Margherita. Patrona di Cortona e terziaria francescana. A Cortona cosa andiamo ancora a vedere?

Cortona cosa vedere : l’area archeologica

cortona cosa vedere - tanella di pitagora

Per gli amanti del trekking, infine, un’apposita segnaletica stradale vi guiderà tra oliveti di rara bellezza alla scoperta dei “meloni”. Tumuli etruschi di età arcaica. Uno ubicato a Camucia e due presso la località Sodo. Il tumulo II del Sodo vi sorprenderà con la spettacolare gradinata-terrazza. Decorata da gruppi scultorei ed elementi architettonici di stile orientalizzante. Non perdetevi la tanella di Pitagora, celebre monumento noto ai viaggiatori fin dal 1500. La tanella Angori, infine, e la tomba di Mezzavia.

Storica dell’arte, autrice di diverse pubblicazioni in materia di beni culturali, ha una lunga esperienza nella gestione dei patrimoni culturali di diverse istituzioni pubbliche e private nonché nel coordinamento delle attività di fondazioni e centri studi e ricerche

candida.carrino@cicerogo.com – redazione.itinerartis@cicerogo.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Iscriviti alla Newsletter per rimanere aggiornato