Reggia Quisisana a Castellammare di Stabia

reggia quisisana castellammare
Una reggia, quella di Quisisana, costruita dai sovrani angioini nel XIII secolo. E’ superfluo, infatti, precisare che il toponimo nasce proprio in ragione della salubrità dell’aria, caratteristica del luogo. Questa meravigliosa città, Castellammare di Stabia, è stata nota alle cronache nazionali per tutta la terribile questione della chiusura dei cantieri navali.

reggia quisisana castellammare

Mare e montagna, terme con 30 acque minerali differenti, siti archeologici tra i più belli al mondo a pochi chilometri, due porti turistici e uno commerciale. Cosa volete di più?

Reggia Quisisana : un luogo per la villeggiatura

Ma furono, poi, i Borbone tra il 1765 e il 1790 che la trasformarono in una vera e propria reggia, come luogo di villeggiatura e di cura per la corte. Il palazzo della reggia di Quisisana ha una struttura ad “elle” così da godere da un lato di una splendida vista sul golfo e dall’altro avere un collegamento più rapido con Castellammare.

reggia quisisana castellammare

Si erge su tre piani, piu’ due piani sottostanti per abbeveratoi e stalle. Anche il parco della reggia Quisisana, poi, subì dei rifacimenti e ingrandito sul modello del giardino all’inglese. Grandi viali, scale, sono ben inseriti nella ricca vegetazione delle pendici del Faito, mentre fontane e giochi d’acqua sfruttano le sorgenti d’acqua, numerosissime nel territorio.

Reggia Quisisana : i motivi di una visita

Luogo di delizie, insomma, la reggia Quisisana affaccia su un panorama ineguagliabile sul golfo di Napoli, circondata da un parco stupendo con piante secolari e rare. Tra stanze si sono succeduti angioini, aragonesi, i farnese e i Borbone. Questi ultimi, infatti, vi soggiornavano da maggio ad ottobre con tutta la corte.

reggia quisisana castellammare

Seconda tra le residenze borboniche nel regno per importanza solo al palazzo reale di Napoli. Inoltre, la citta’ di Castellammare, ove si trova la reggia, era un luogo in cui erano stato impiantati i cantieri navali, tra i più antichi al mondo. Orgoglio del regno, provvedevano alla costruzione della flotta del re.

Reggia Quisisana : un nuovo futuro

Questa meraviglia era in stato di abbandono fino agli inizi del 2000. Un grande intervento di restauro, terminato nel 2009, ha restituito alla reggia l’antico splendore. C’è un progetto che vuole che sia adibita a scuola di restauro. Ad oggi, gli amministratori locali continuano a tenere sostanzialmente inutilizzata la struttura, che è anche dotata di una nuova sala congressi.

reggia quisisana castellammare

Il custode del posto, il signor Catello, saprà sorprendervi con la sua competenza e amore per questa che considera come fosse casa sua.

Reggia Quisisana Dove

Salita Quisisana, n. 1 – 80053 – Castellammare di Stabia

Reggia Quisisana Orari

Visite su prenotazione presso l’Ufficio Patrimonio  del Comune – tel. + 39 081 3900565

 Reggia Quisisana Biglietti

Gratuito

 

Storica dell’arte, autrice di diverse pubblicazioni in materia di beni culturali, ha una lunga esperienza nella gestione dei patrimoni culturali di diverse istituzioni pubbliche e private nonché nel coordinamento delle attività di fondazioni e centri studi e ricerche

candida.carrino@cicerogo.com – redazione.itinerartis@cicerogo.com

One thought on “Reggia Quisisana a Castellammare di Stabia

  1. Il 16 novembre alle ore 16,320 vi è una manifestazione del concorso “premio di poesie” organizzata dalla dott.ssa Teresa Ester Esposito. Desideravo sapere se per l’occasione la Reggia sia visitabile. Dalle foto sul Web si vede che sia veramente spettacolare. Nel ringraziare la Sua cortesi auguro buon lavoro con i migliori saluti. (Giulio Giliberti da Napoli) cell. 3936740319 oppure enail = giulio.giliberti1941@alice.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Iscriviti alla Newsletter per rimanere aggiornato