Domus Aurea sul “mare”

domus aurea
La Domus Aurea ebbe vita breve. Costruita dall’imperatore Nerone a seguito dell’incendio del 64 d.C.. Vide l’inizio della fine già a partire dal 69 d.C. quando Vespasiano divenne imperatore. Quel poco che ancora restava in piedi della Domus Aurea, infatti, sparì alla vista dei Romani con l’incendio del 104 d.C.

domus aurea

La nuova residenza di Nerone sorgeva sulle colline del Palatino, del Celio, dell’Esquilino e dell’Oppio. In sostituzione della precedente residenza Domus Transitoria. Centro e cuore pulsante degli edifici distribuiti su 80 ettari era il “mare” artificiale nella valle tra i colli. Vespasiano costruì proprio dove c’era il lago artificiale il Colosseo.

Domus Aurea come le ville di Baia

La Domus Aurea, per l’imperatore Nerone, doveva avere caratteristiche simili alla “villa marittima” campana. Le più importanti ville di Baia, infatti, godevano tutte di vista sul mare. Completavano la “ricostruzione” giardini, campi, orti, boschi e vigne. Bagni con acqua sulfurea, enormi saloni per banchetti, piscine, fontane e vestiboli. Nei pressi del “mare” artificiale, poi, svettava il Colosso di Nerone, una statua gigantesca alta 35 mt.

domus aurea

Il nome Domus Aurea deriva proprio dall’uso smodato del metallo prezioso che ornava tutti gli edifici. Arricchivano i soffitti degli edifici, poi, pietre preziose e avorio. Tutti beni ricavati dalle spoliazioni dell’imperatore a danno dei cittadini e dei templi Romani. Oltre che provenienti dalle province Romane.

Domus Aurea oggi

Quello che resta oggi dell’immensa residenza di Nerone è una parte di edificio sul Colle Oppio lungo 300 mt per 190 mt. Possiamo ammirare la Domus Aurea oggi, peraltro, soltanto perchè inglobata nelle Terme di Traiano. Soprattutto, possiamo ammirare i dipinti “grotteschi” sulle pareti dell’edificio.

domus aurea

Essi sono giunti a noi grazie alla sabbia gettata per le nuove costruzioni erette sopra la Domus Aurea. Al pari della cenere del Vesuvio a Pompei. La caduta in una grotta delle Terme di un giovane artista nel Rinascimento è il motivo fortuito per cui oggi possiamo goderne. Le grotte, poi, furono oggetto di studio di famosi pittori come Raffaello, il Pinturicchio e il Ghirlandaio.

domus aurea

Possiamo visitare, infine, la Domus in tutto il suo sfarzo grazie a installazioni multimediali. Ovvero, alle nuove tecnologie della realtà virtuale.

Domus Aurea biglietti

intero 14,00 € + diritto di prenotazione / ridotto 10,00 € + diritto di prenotazione (al di sotto dei 12 anni di età)

Il sito è accessibile esclusivamente con visita guidata con prenotazione obbligatoria.

Ciao! Sono il direttore responsabile di ITINERARTIS.

Ho deciso di aprire questo nuovo spazio di discussione e partecipazione per condividere con i viaggiatori più curiosi e con le Guide Abilitate, itinerari, tour, mostre, luoghi di interesse, storie dai territori e curiosità culturali.

ciro.borrelli@cicerogo.comredazione.itinerartis@cicerogo.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Iscriviti alla Newsletter per rimanere aggiornato