Il Cristo Velato, misteri e leggende

volto cristo velato cappella sansevero
Per chi vuole vedere come nasce l’idea in terracotta del Cristo Velato deve portarsi dal centro storico della città a San Martino, godersi uno dei più bei panorami della città di Napoli. Ammirare dall’alto la strada di Spaccanapoli e scoprire poi che il primo bozzetto, presso il Museo di San Martino, fu opera dello scultore Antonio Corradini e non di Sanmartino che, successivamente, lo ha effettivamente realizzato.

cappella-sansevero-napoli

La tenaglia e i chiodi del Cristo Velato

A grandezza naturale, la statua di marmo del Cristo Velato misura 180x80x50 cm. Posta al centro della Cappella Sansevero, ha un impatto emotivo travolgente su chi la guarda. Il velo che copre la statua aderisce perfettamente al corpo del Cristo morto. Adagiato su un materasso marmoreo appena dopo il supplizio inferto mediante una corona di spine, una tenaglia e i chiodi anch’essi marmorizzati ai piedi della statua.

cristo-velato-tenaglia-chiodi

Nessuna statua di marmo al mondo trasmette così efficacemente a chi la guarda i sentimenti di colui che ne è ritratto. La maestria di Giuseppe Sanmartino nella realizzazione del velo coprente ha reso dolorante e commovente un blocco di marmo.

Il riconoscimento del Canova

Persino il Canova, al cospetto della statua Cristo Velato, esaltò la struggente potenza che emana la statua arrivando ad affermare che avrebbe dato 10 anni della propria vita pur di esserne l’autore. Tentò finanche l’acquisto, invano.

cristo velato

C’è addirittura chi ha sostenuto che la forza del velo fosse dovuta ad un processo alchemico frutto delle conoscenze e capacità scientifiche del committente Raimondo di Sangro, principe di Sansevero. Oggi, però, non v’è alcun dubbio che il capolavoro è stato realizzato nel 1753 da un unico blocco di marmo

Il Cristo Velato da un unico blocco di marmo?

All’Archivio Storico del Banco di Napoli è depositato un documento del 16 dicembre 1752. Attesta il primo acconto di 50 ducati per la realizzazione della statua del Cristo Velato, che costerà poi complessivamente 500 ducati, a favore dello scultore Giuseppe Sanmartino firmato da Raimondo di Sangro che così scrive: “statua di Nostro Signore morto coperta da un velo ancor di marmo…”.

cristo-velato-mani

Cristo Velato leggenda e mistero

Nonostante questo documento e diverse altre testimonianze scritte, ancora oggi l’alone di mistero intorno alla figura del principe alimenta la leggenda della “marmificazione” di un vero velo adagiato sulla statua di marmo. E’ solo l’incredulità di ogni visitatore davanti a tanta magnificenza artigianale a ritenere “impossibile” la realizzazione da un pezzo di marmo del velo. Invece, così naturale e leggero che potrebbe sollevarsi al primo spirar del vento.

Scopri la Cappella Sansevero e il Cristo Velato con le guide abilitate di CiceroGO

Arcangelo Pisano – Aniello Di Maio  – Rachele Infascelli

Desideriamo accompagnarti alla scoperta del Paese più bello del mondo. Ti presenteremo luoghi e itinerari con gli occhi dei turisti italiani e stranieri che visitano l’Italia e con le conoscenze delle Guide autorizzate che li accompagnano. Con gli uni e le altre ITINERARTIS è quotidianamente in contatto.

Vogliamo favorire la conoscenza del patrimonio culturale italiano, nelle sue infinite declinazioni, per aumentarne la fruizione facendo leva sulla trasmissione delle identità locali e sulla valorizzazione delle risorse di tutti i territori.

scrivi alla redazione.itinerartis@cicerogo.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Iscriviti alla Newsletter per rimanere aggiornato