Luxottica occhiali al museo

luxottica occhiali museo dell'ottica
Inventati negli anni bui del barbaro Medioevo, gli occhiali hanno attraversato i secoli. Fino a diventare oggi un prodotto che ha perso la sua funzione esclusiva di presidio sanitario. Per diventare un prezioso complemento indispensabile per il nostro look. Luxottica, infatti, ha trasformato gli occhiali in accessorio di moda.

luxottica occhiali museo dell'ottica

Occhiali non solo Luxottica : una passione

Negli anni la moda, e recentemente Luxottica, ha trasformato il ruolo degli occhiali. Pensate che è solo negli ultimi decenni gli occhiali da sole si sono sdoganati dal periodo estivo per diventare un oggetto da indossare anche d’inverno! Quindi non solo protesi e supporto alle lenti, ma un vero e proprio accessorio di moda.

luxottica occhiali museo dell'ottica

Le aziende produttrici, quindi, hanno beneficiato di questo trend e hanno avuto modo di ampliare la loro produzione nel corso di pochi decenni. La Luxottica occhiali è una di queste, un’azienda fondamentalmente giovane, nata solo nel 1961. Essa, infatti, attraverso una ricerca continua è oggi leader mondiale nella progettazione, produzione e commercializzazione degli occhiali.

Luxottica Occhiali : un museo

Per festeggiare il trentennale nel 1991 la Luxottica occhiali decise, pertanto, con grande lungimiranza, di aprire un museo. Esso doveva raccontare non solo la storia del marchio ma anche quella di un prodotto.

luxottica occhiali museo dell'ottica

Oggi, nelle scuderie del seicentesco palazzo  Crotta-De Manzoni ad Agordo, il bellissimo museo Luxottica occhiali vi farà ammirare occhiali provenienti da tutti i paese del mondo, soprattutto dalla Cina e dalla Persia.

2000 pezzi tra occhiali, fassamani, cannocchiali, microscopi, strumenti ottici. Nonchè materiale iconografico, stampe, arazzi, incisioni e quadri.

Nel museo di Luxottica vi sono occhiali, infatti, databili intorno al 1500. Altri, poi, sono molto particolari: bastoni da passeggio, ventagli, tabacchiere e porta-profumo tutti con lente incorporata. Un altro esemplare unico, inoltre, è una cassetta-imballo completa di sei paia di occhiali ad arco con il nome e l’indirizzo del fabbricante di Norimberga del XVIII secolo. Occhiali da parrucca e le prime montature con le aste tempiali. Ancora, monocoli, occhiali da teatro,  occhialini,  stringinaso e pince–nez.

luxottica occhiali museo dell'ottica

Sono esposti, ancora, alcuni tra i primi occhiali da sole tra i quali il tipo detto “Goldoni” di manifattura veneziana del ‘700. Nel museo di Luxottica sono presenti, poi, numerosi occhiali orientali con il caratteristico ponte traforato con ideogrammi.

Inoltre, la collezione comprende anche varie e stravaganti montature degli anni 50 Sono infatti esposte in grande numero e ricchezza di esemplari, montature moderne lavorate a mano.

Degna di attenzione, infine, la sezione dei cannocchiali con pezzi di fabbricazione inglese, italiana, cinese e francese. Troverete anche il cannocchiale di Giuseppe Componi, datato 1682, lungo 8 metri.

luxottica occhiali museo dell'ottica

Luxottica Occhiali : come nasce un museo

L’azienda Luxottica occhiali ha cominciato comprando oggetti nei mercatini e negli angoli delle botteghe antiquarie. Poi l’acquisizione di una piccola raccolta privata. Ma la svolta si ebbe con l’acquisto dell’importante collezione di  Fritz Rathschuler, ottico genovese di origini austriache, 1200 pezzi.

Un patrimonio scientifico e storico importantissimo che doveva essere messo a disposizione della collettività.

luxottica occhiali museo dell'ottica

Un paziente lavoro di catalogazione di piccoli pezzi di storia oggi ci permettere di ammirare un’ importante testimonianza di un percorso evolutivo di uno strumento che ha favorito un accelerazione al progresso, migliorando e amplificando le capacità visive dell’uomo.

Il Museo Ottiche e Occhiali Luxottica NON è associato a Museimpresa – Associazione Italiana dei Musei d’impresa

Dove – Corso Patrioti, 3 – Villa Crotta–De Manzoni – 32021 – Agordo – Belluno

Apertura al pubblico – su prenotazione

Ingresso – gratuito

Storica dell’arte, autrice di diverse pubblicazioni in materia di beni culturali, ha una lunga esperienza nella gestione dei patrimoni culturali di diverse istituzioni pubbliche e private nonché nel coordinamento delle attività di fondazioni e centri studi e ricerche

candida.carrino@cicerogo.com – redazione.itinerartis@cicerogo.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Iscriviti alla Newsletter per rimanere aggiornato